Vai al contenuto

I 10 consigli per un’efficace routine di benessere

Ognuno di noi dovrebbe avere una routine quotidiana, ossia l’insieme di azioni e comportamenti piacevoli e benefici che diventano una buona abitudine perché ripetuti ogni giorno e all’interno di essa, naturalmente, una routine di benessere.

Avere una routine quotidiana, è utile perché permette di focalizzarsi su se stessi, sulla propria vita e sui propri obiettivi, soprattutto per chi tende a disperdere le proprie energie. Permette inoltre di prendersi degli spazi solo ed esclusivamente per se stessi in maniera organizzata, armoniosa e non caotica o ansiosa.

E’ molto utile anche solo avere una routine del mattino, o una alla fine della giornata lavorativa o ancora una routine della sera.

Nella routine quotidiana dovrebbe avere un posto privilegiato una pratica di benessere come ad esempio una meditazione, una visualizzazione o un momento di rilassamento.

Si tratta di pratiche diverse, ma tutte quante importanti ed utili in momenti e per scopi differenti.

Nonostante la diversità, queste pratiche condividono alcuni aspetti fondamentali per prepararsi ad un rilassamento efficace, ad una buona meditazione e ad una vita consapevole ed in armonia con se stessi e con il mondo esterno.

I 10 aspetti o consigli da seguire per un’efficace routine di benessere sono:

1. Lascia andare e abbandona tutto ciò che ti crea tensione e predisponiti ad immergerti in uno spazio di pace ed armonia.

2. Crea un ambiente adatto alla tua pratica. Un ambiente tranquillo, ordinato, adeguatamente riscaldato e illuminato (non troppo e non troppo poco) in cui sono limitate al minimo le stimolazioni esterne. Puoi posizionare delle immagini, delle candele o delle piante, l’importante è creare il giusto ambiente in cui dedicare tempo e spazio alla consapevolezza, al rilassamento e alla meditazione.

3. Pratica sempre nello stesso momento della giornata, affinché diventi per te una piacevole abitudine.

4. Usa un abbigliamento comodo, in modo tale da non sentire tensioni in nessuna parte del corpo.

5. Libera la mente da pensieri e preoccupazioni. Se dovessero sopraggiungere pensieri che non riguardano la pratica, allontanali gentilmente e ritorna a te.

6. Evita posture che provocano tensione muscolare. La posizione migliore da adottare è la posizione adatta alla tua comodità ed esigenza, in ogni caso è importante non sentire tensione.

Ci si può sedere su un cuscino a gambe incrociate, ma anche su una sedia con le mani sulle ginocchia (o sul grembo) o rivolte in su, i piedi poggiati a terra e la schiena dritta ma non poggiata allo schienale.

Si può adottare anche la posizione sdraiata sulla schiena, distendendo gambe e braccia e lasciando cadere i piedi verso l’esterno; tuttavia è da considerare che sdraiandosi ci si può rilassare eccessivamente e quindi questa posizione può non essere adatta ad ogni tipo di pratica come ad esempio ad una meditazione di consapevolezza.

In tutti i casi, la schiena deve essere dritta e rilassata contemporaneamente.

Essere dritti, dunque, ma non rigidi o tesi.

Gli occhi possono essere chiusi, socchiusi oppure possono fissare un oggetto di fronte.

7. Esegui la respirazione profonda per 2 o 3 respiri. Inspira con il naso, senti l’aria che entra attraverso le narici e che riempie il torace e l’addome e poi buttala dalla bocca. Il respiro deve essere lungo e profondo, ma se non si è abituati, si può acquisirne la capacità in maniera progressiva.

Poi respira in maniera naturale, essendo “semplicemente” consapevole del tuo respiro, senza controllarlo. A questo punto, inspira ed espira dal naso.

8. Segui i tempi del tuo corpo e della tua mente senza forzarti o giudicarti. Questo vuol dire che in qualsiasi circostanza, se e quando sopraggiungeranno momenti di difficoltà durante la pratica, non dovrai far altro che essere gentile con la tua mente ed il tuo corpo e riprovare con dolcezza nei giorni seguenti. Ricorda che la costanza è fondamentale per poter creare l’abitudine e trarre il massimo beneficio.

9. Alla fine di ogni pratica, svolgi gli esercizi di ripresa per recuperare il tono muscolare; in altre parole devi muovere lentamente e dolcemente le varie parti del corpo prima di alzarti.

10. Tieni un diario in cui scrivere i pensieri, le emozioni, le sensazioni e tutto ciò che ritieni opportuno e che riguarda la tua pratica. Scrivere è molto utile per esprimere le proprie emozioni, per mettere nero su bianco ciò che si ha dentro e che altrimenti non verrebbe fuori, ma anche per tenere traccia del proprio lavoro e dei propri progressi.

Se non lo hai ancora fatto, comincia subito ad organizzare la tua routine, a praticare e a godere dei suoi svariati benefici!

Clicca qui per ascoltare l’audioarticolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.